Il sito www.sympany.ch non può essere visualizzato correttamente. Per favore, aggiorni il suo browser: https://browsehappy.com

Mutter mit Tochter und Sohn lehnen sich beieinander an und lächeln

Rimborso: semplicemente equo

In qualità di assicurazione malattia leale, Sympany attribuisce grande importanza all'accessibilità dei premi. Per questo, nel caso in cui i costi per le prestazioni mediche e ospedaliere, le terapie e i medicamenti risultino inferiori al previsto, rimborsiamo sempre ai nostri assicurati le eccedenze e le riserve non necessarie.

A proposito: da anni, Sympany è una delle poche casse malati a rimborsare i propri assicurati volontariamente. Nel 2021 circa 180’000 assicurati Sympany hanno ricevuto un rimborso complessivo di CHF 33.1 milioni! In tal modo tre quarti dei clienti e delle clienti hanno beneficiato di rimborsi.

Domande e risposte sui rimborsi

Sì. Sfruttiamo tutte le possibilità per mantenere al minimo i premi per i nostri clienti. Tra queste rientra anche la riduzione volontaria delle riserve nell’assicurazione di base. Grazie alle riserve sufficienti, i premi possono essere calcolati sin dall'inizio a un livello basso. Se i premi incassati non sono interamente necessari per il pagamento delle prestazioni mediche, Sympany richiede all’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) il rimborso volontario ai propri assicurati delle riserve non necessarie.

Sì, Sympany dispone di riserve sufficienti per affrontare anche gli sviluppi imprevisti ed evitare effetti yo-yo nell’evoluzione dei premi. In questo modo Sympany può essere un partner assicurativo affidabile per i propri assicurati in qualsiasi momento.

L’elevata qualità del sistema sanitario svizzero si basa sull’affidabilità e sulla stabilità. Le assicurazioni malattia forniscono un contributo sostanziale in tal senso. Grazie alle loro riserve sono in grado di pagare correttamente e puntualmente i trattamenti medici, anche in caso di eventi imprevisti come ad esempio la pandemia di coronavirus. Le riserve offrono quindi sicurezza a tutte le parti coinvolte: a chi paga i premi, ai medici, agli ospedali e alle strutture terapeutiche.

Le eccedenze vengono versate solo agli assicurati nei cantoni o per i prodotti assicurativi in cui i costi nell’anno precedente sono risultati nettamente inferiori ai premi pagati. Dalla riduzione volontaria delle riserve traggono vantaggio tutti gli assicurati di una cassa malati.

 

Nell’assicurazione di base ora la legge consente il rimborso delle eccedenze solo in casi eccezionali estremi. In compenso il Consiglio federale ha semplificato la riduzione volontaria delle riserve. In concreto è stato ridotto l’ammontare minimo delle riserve. In questo modo gli assicuratori malattia possono soddisfare più facilmente i requisiti per una riduzione volontaria delle riserve.
Nelle assicurazioni complementari il rimborso delle eccedenze continua ad essere possibile.

In futuro Sympany sfrutterà entrambe le possibilità di rimborso agli assicurati.

 

Il rimborso delle riserve è facoltativo e deve essere richiesto all’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Il rimborso è possibile solo se le riserve superano l'ammontare minimo e se i premi incassati non sono interamente necessari per il pagamento delle prestazioni mediche. Se tali condizioni sono soddisfatte, Sympany chiede di volta in volta il rimborso volontario ai propri assicurati delle riserve non necessarie.

No, ma come richiesto dall’UFSP le riserve di Sympany sono sufficienti per poter sostenere in qualsiasi momento i costi delle prestazioni anche in tempi difficili. Con la revisione dell’Ordinanza sulla vigilanza sull’assicurazione malattie (OVAMal) il Consiglio federale ha agevolato la riduzione volontaria delle riserve nell’assicurazione malattie. Sympany sfrutta questa nuova opportunità per ridurre le riserve non necessarie e rimborsarle agli assicurati.

Chiudere la finestra

Calcolatore dei premi dell'assicurazione di base

Carica calcolatrice premi...