Risultato dell’esercizio 2009 penalizzato da un contesto difficile

A dispetto dell'impegnativo contesto che ha caratterizzato lo scorso esercizio, il gruppo Sympany è riuscito ad acquisire nuovi assicurati. Come in generale tutto il settore, anche Sympany risente dell’insufficiente livello dei premi e nell’esercizio 2009 ha evidenziato una riduzione delle riserve di 28,3 milioni di franchi. Ciononostante, il gruppo Sympany mantiene una situazione di capitale proprio solida. Per nessun marchio del gruppo Sympany sono necessari aumenti di premio nel corso dell’anno.

Basilea, 11 maggio 2010 – il rilevamento di Xundheit e il trasferimento del portafoglio delle assicurazioni complementari di ÖKK a Sympany Assicurazioni SA comportano una notevole modifica del quadro di bilancio e conto economico; pertanto risulta difficile effettuare un confronto con l'anno precedente.

Finanziamento solido, nessun aumento dei premi durante l’anno
Il volume lordo dei premi del gruppo Sympany (incl. gli affari mediati) è salito, anche in seguito all’integrazione di Xundheit, di circa il 14 percento a CHF 894 milioni. Le prestazioni assicurative di tutti i comparti sono aumentate del 15 percento a CHF 812 milioni. L’insoddisfacente risultato annuale di CHF -28,3 milioni è principalmente ascrivibile a un risultato attuariale negativo, conseguenza soprattutto dell’elevato rincaro nel settore della sanità e dei premi insufficienti nell’assicurazione di base. Il CEO Beat Ochsner a proposito del risultato d’esercizio: «Nonostante la perdita, il gruppo Sympany dispone ancora di riserve e il suo finanziamento è solido. Le riserve del nostro marchio principale, Vivao Sympany, sono all'incirca del 15 percento. Nel raffronto settoriale, Vivao Sympany continua pertanto a detenere una buona posizione. Per quanto riguarda l’intero gruppo Sympany, le riserve ammontano a circa il 20 percento. Per nessun marchio del gruppo Sympany s’impongono aumenti di premio nel corso dell’anno.

Il presidente del Consiglio di Fondazione Ralph Lewin si esprime così in merito al risultato dell’esercizio: «La speranza che la politica adottasse rapidamente dei provvedimenti efficaci per contenere l’aumento dei costi, negli ultimi due anni è stata delusa. Ora ci auguriamo che adeguate misure siano finalmente a buon punto, in quanto una riduzione delle riserve sul lungo periodo diventa insostenibile per l'intero settore.»

Oltre 10'000 nuovi clienti privati
L’aumento del grado di notorietà del marchio Sympany nell’ultimo anno è stato significativo e misurabile. Anche il numero di clienti privati è aumentato: da 196'330 a 231'114 (+ 17,7 percento). Senza calcolare Xundheit, per il 2010 Sympany ha acquisito al netto oltre 10'000 nuovi clienti privati. «Questo ci dimostra che il gruppo Sympany viene percepito come partner allettante e interessante», ha dichiarato Beat Ochsner.

Crescita degli affari per la clientela aziendale
Anche nel settore dei clienti aziendali il numero di assicurati è cresciuto, portandosi da 7'462 a 9'991 (+ 33,9 percento). L’aumento del numero di clienti, così come del volume dei premi, è da un lato riconducibile alla crescita propria, dall'altro all'integrazione di Xundheit. Nel 2009 il volume dei premi è aumentato del 21 percento a CHF 417 milioni; escludendo l'integrazione di Xundheit, la crescita è pari al 5 percento circa. L’ambito della clientela aziendale di Sympany ha beneficiato, non da ultimo grazie al Case Management ampiamente sviluppato, di un buon andamento di sinistri nel raffronto settoriale.

Risultato finanziario positivo
Nel 2009 Sympany ha conseguito un ottimo risultato finanziario, con una performance di circa il 10 percento. Nella contabilità secondo il Codice delle obbligazioni, a causa del principio in vigore del valore più basso, questo risultato positivo si rispecchia soltanto in parte nel conto annuale.

Sympany si attende dalla politica una gestione effettiva
Il presidente del Consiglio di Fondazione Ralph Lewin rileva infine a proposito dell’esercizio 2009: «A causa dell'ulteriore aumento dei costi e delle discussioni politiche, il contesto per gli assicuratori malattie rimarrà incerto. Il gruppo Sympany intende però assumersi la propria responsabilità nei confronti degli assicurati e s'impegna costantemente nell'ottimizzazione dei propri costi. Questo richiede tuttavia in parte degli investimenti. Sympany opera a favore della riduzione delle spese di cura soprattutto con l’ampliamento delle offerte di Managed Care. In contropartita, ci aspettiamo che la politica dimostri un'apertura nei confronti delle nuove offerte e una gestione effettiva che metta in atto gli incentivi giusti per i diversi operatori del settore della sanità.»

 

Comunicato stampa: Risultato dell’esercizio 2009 penalizzato da un contesto difficile (PDF, 26 KB)